Come goccia d’acqua

Mi sento come una goccia che cade nell’acqua. Quel pluff che vive poco prima di essere inghiottita dalla massa informe e bluastra, quel freddo intenso che si sente prima di abituarcisi e riuscire ad aprire tutti i pori della pelle entrando in contatto con il bagnato. Poi la sensazione di avere un muro molle sopra di sé, che se guardi in alto non vedi altro che acqua increspata e l’occhio, non ancora abituato, fatica ad aprirsi. Troppa resistenza esterna. Troppo freddo dentro, ancora. Continua a leggere

Recensione – Big Magic di Elizabeth Gilbert

Quando dico che amo leggere, non credo di dire sempre la verità. Quella sincera, detta fino in fondo, senza remore. Leggere è per me una coccola che mi concedo il più spesso possibile. Definirmi #booklover è riduttivo: mette da parte tutta la fatica di ritagliarsi qualche momento per sé, senza sentirsi in colpa per non aver stirato o lavato la biancheria ammassata sul balcone. E viaggiare, sì perché ogni libro è un viaggio alla scoperta di qualche luogo magico non ancora esplorato. Continua a leggere

E così, scrivo anch’io

typewriter-801921_1920

Un tavolo odoroso, carta e penna. Scrivere.

La capacità di svuotarmi. E’ questo che mi ha regalato il Corso di pensieri scritti e @lascianca sopratutto. La capacità di ritrovare la Scrittura come metodo per svuotare il marasma che vige dentro di me e poter così fare spazio al nuovo marasma. Non solo, mi ha fatto vedere, attraverso una meravigliosa e spalancata finestra, tutto ciò che c’era al di fuori del mio mondo ormai cristallizzato in ritmi che a volte, anzi il più delle volte, non sono io a determinare. Continua a leggere